Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica

  • La gestione del Fondo è affidata a INVITALIA (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.a.
  • INVITALIA provvede alla rendicontazione del Fondo e a comunicarla al Ministero dello sviluppo economico e al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare
  • La dotazione del Fondo è versata su conto corrente intestato a INVITALIA

I costi ammissibili da questo Fondo devono riferirsi al progetto oggetto di agevolazione. Detti costi riguardano:

a)Consulenze connesse al progetto nella quota del 10% dei costi complessivi (progettazione, direzione lavori, collaudi, progettazione e implementazione di sistemi di gestione energetica, studi di fattibilità, attestato energetico per gli edifici, diagnosi energetica per i soli edifici pubblici)

b)Apparecchiature, impianti, macchinari e attrezzature varie (inclusi i sistemi di telegestione, telecontrollo e monitoraggio) comprensivi delle forniture di materiali e dei componenti

c)Interventi sull’involucro (opaco e trasparente) comprensivi di opere murarie e costi per mitigare il rischio sismico

d)Infrastrutture specifiche (impiantistica elettrica, termoidraulica, gas, etc.)

  • Non sono ammissibili i costi riguardo a:

a)Beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria e costruzioni di immobilizzazione tramite commesse interne

b)Macchinari, impianti e attrezzature usati

c)Acquisto automezzi e attrezzature di trasporto targati

d)Spese di funzionamento, spese notarili, quelle relative a tasse, imposte e scorte

e)Spese dei progetti per i quali il beneficiario abbia già fruito di altri aiuti nei 10 anni precedenti

f)Consulenza specialistica rilasciata da amministratori, soci e dipendenti

g)Spese per singoli beni inferiori a € 500

  • Le spese ammesse sono al netto dell’IVA
Annunci

Reg. Veneto: Bando per l’erogazione di contributi finalizzati all’efficientamento energetico delle piccole e medie imprese

Possono partecipare al bando

  • Regolarmente iscritte al registro imprese o all’A.I.A (imprese artigiane) da più di 12 mesi dalla data di inizio bando
  • Rientranti nelle attività elencate nell’allegato B del DGR nr. 771 del 29 maggio 2017
  • Con l’unità operativa, o le unità operative, sede del progetto in Veneto
  • Nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non in liquidazione volontaria, non sottoposte a procedure concorsuali in corso o aperte in precedenza
  • Con capacità amministrativa, finanziaria e operativa necessaria per la realizzazione dei progetti sostenuti dal presente bando (art. 125, paragrafo 3, lettere c) e d) del reg. (UE) n. 1303/2013

Sono finanziati i Progetti finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica e riduzione delle emissioni di gas climalteranti nell’unità operativa oggetto dell’intervento.

Opportunità del nuovo Conto Termico 2.0 – Palmanova, 17 maggio

Riccardo.jpg

Seminario sulle opportunità del nuovo Conto Termico 2.0 a Palmanova il 17 maggio. Organizzato da CNA Regionale FVG con la collaborazione di EnergiCna, lo staff di ECIPA Nordest che si occupa di servizi in materia di energia. Buona partecipazione e grande interesse per i nostri servizi!
Per info www.energicna.it

Sala.jpg

Nomina Energy manager: scadenza annuale del 30 aprile

Con la Legge 10 del 1991 l’italia si era data uno strumento straordinariamente potente per introdurre massicciamente il tema dell’efficienza nel sistema economico. In particolare la legge individuava la necessità di avere figure professionali dedicate al tema energetico e poneva in capo alle aziende con consumi elevati (più di 10.000 TEP per le aziende industriali e più di 1.000 TEP per tutte le altre) l’obbligo di nominare il Responsabile per l’Uso Razionale dell’Energia, brevemente chiamato Energy Manager.
Questa impostazione rimane valida anche oggi: le aziende sono tenute alla nomina dell’Energy manager entro il 30 aprile di ogni anno e alla comunicazione della nomina al FIRE, tramite il portale NEMO.
La verifica dell’obbligo va fatta sommando tutti i consumi di ogni ragione sociale per tutte le sedi e filiali presenti sul territorio italiano: i diversi vettori energetici vanno convertiti in Tonnellate Equivalenti di Petrolio (TEP) secondo i fattori di conversione fissati nella circolare MISE del 18/12/2014.
Ve ricordato che le aziende che nominano un energy manager hanno anche alcune facilitazioni nell’ottenimento degli incentivi, come ad esempio la possibilità di presentare direttamente progetti per l’ottenimento dei TEE senza passare per ESCo certificate

Evoluzione del mercato energia – Relazione annuale del GME

ScreenHunter_01 Jul. 12 12.28L’andamento del mercato energia non è più un argomento per soli addetti ai lavori. La relazione annuale del GME contiene degli spunti interessanti du un settore che sta vivendo un’evoluzione tumultuosa.

http://www.mercatoelettrico.org/it/MenuBiblioteca/documenti/20130709RelazioneAnnuale2012.pdf