Nomina Energy manager: scadenza annuale del 30 aprile

Con la Legge 10 del 1991 l’italia si era data uno strumento straordinariamente potente per introdurre massicciamente il tema dell’efficienza nel sistema economico. In particolare la legge individuava la necessità di avere figure professionali dedicate al tema energetico e poneva in capo alle aziende con consumi elevati (più di 10.000 TEP per le aziende industriali e più di 1.000 TEP per tutte le altre) l’obbligo di nominare il Responsabile per l’Uso Razionale dell’Energia, brevemente chiamato Energy Manager.
Questa impostazione rimane valida anche oggi: le aziende sono tenute alla nomina dell’Energy manager entro il 30 aprile di ogni anno e alla comunicazione della nomina al FIRE, tramite il portale NEMO.
La verifica dell’obbligo va fatta sommando tutti i consumi di ogni ragione sociale per tutte le sedi e filiali presenti sul territorio italiano: i diversi vettori energetici vanno convertiti in Tonnellate Equivalenti di Petrolio (TEP) secondo i fattori di conversione fissati nella circolare MISE del 18/12/2014.
Ve ricordato che le aziende che nominano un energy manager hanno anche alcune facilitazioni nell’ottenimento degli incentivi, come ad esempio la possibilità di presentare direttamente progetti per l’ottenimento dei TEE senza passare per ESCo certificate

Continua l’emanazione delle nuove schede TEE

​Il GSE informa che dal 23 maggio 2013 sono disponibili 4 nuove schede tecniche:

  • n. 33E – rifasamento di motori elettrici presso le utenze
  • n. 34E  – riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica
  • n. 35E – installazione di refrigeratori condensati ad aria e ad acqua in ambito industriale
  • n. 36E – rinstallazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS)
 A completamento di quanto disposto dal decreto 28 dicembre 2012 continua l’uscita delle nuove schede sui Titoli Efficienza Energetica.

L’elenco completo ed aggiornato delle schede può essere trovato qui:

http://www.gse.it/it/CertificatiBianchi/Modalit%C3%A0%20di%20realizzazione%20dei%20progetti/Schede%20tecniche/Pagine/default.aspx

Pronti per una calda estate? Fissata la T minima per la climatizzazione estiva

Il Governo nella seduta del 15 febbraio 2013 ha approvato lo schema di regolamento su conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.
Lo schema di regolamento integra la disciplina attualmente prevista (Dpr 412/1993) sulle ispezioni degli impianti di riscaldamento con una specifica disciplina di ispezioni e controlli per gli impianti di condizionamento (viene fissata la min T estiva a 26 °C).
nIl regolamento introduce anche semplificazioni per i cittadini: per gli impianti di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale compresa tra 10 kW e 100 kW alimentati a gas, metano o gpl e per gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale compresa tra 12 e 100 kW l’ispezione dell’impianto è sostituita dall’accertamento del rapporto di controllo di efficienza energetica inviato dal manutentore o terzo responsabile.

A Beautiful Mind – on the Pareto Efficiency Frontier (post di James Ferguson)

So I will not apologize for the wonderful title of this post, because it really does represent the exact issues I want to discuss today in terms of energy efficiency. Rather, I apologize, because this post is really written for the exploring engineer, not for the spoon-fed. It will be complex and I may ask questions. But I will provide enough layman’s background that anyone bright and persistent enough can understand.

We will touch on the simplest ideas of energy efficiency, and mix in aspects of Nash’s work in game theory for optimization of winning strategies. This is The Nash Equilibrium – the brilliant outcome of thestar mathematician and man who struggled and learned to manage paranoid schizophrenia portrayed in the wonderful film A Beautiful Mind

Portrait of Vilfredo Pareto.
Portrait of Vilfredo Pareto. (Photo credit:Wikipedia)

All-in-all we will argue about whether energy efficiency has been argued about enough, and we will also look at the Pareto Frontier (in layman’s terms).

We will see that the way buildings control systems are operated to day are generally sub-optimal because we do not even consider everyday economic or game strategy theories to our objectives.

We are guilty, because we let the big players in our industry get away with giving; not second best but provably sub-optimal worsts!

I dare say, some of these ideas may be new to you – as they are to me, so when I have them wrong please, please do comment and correct my thinking (in the comments section below rather than on linkedInbecause otherwise only some readers see them). Better still think and contribute and enrich the discussion, because its written for us all…

Where do we start? At the beginnings of Game Theory.

Let’s imagine that an simple air handling unit supply (AHU) is a battleground between two gaming warriors. Lets introduce them:

Henry (the Heater)
Henry cares primarily that fresh air is delivered at least warm enough for comfort – lets say 15 C (59F)
(Note to laymen air warms up because of unintended sources so a supply below comfort temperature is normal)
When he has been in error he seeks to correct the total sum of his historical errors to zero.
Given that achievement he seeks to use as little heat as possible.

Charles (the Chiller)
Charles cares primarily that fresh air is delivered at least warm  cool enough for comfort – lets say 15.5 C (59.9 F)
When he has been in error he seeks to correct the total sum of his historical errors to zero.
Given that achievement he seeks to use as little cooling as possible.

There is a third character Henrietta – She is an energy manager, and she applies common sense. More of  Henrietta later.

The more aware of readers will realize that Henry and Charles sound as though they been set up according to normal convention with PID loops for control and they have probably been set up for a fight !

http://www.me.umn.edu/labs/teel/110Research12Stanley.htm

Above we see a standard set up according to the Thermal Environmental Engineering Laboratory – And YES its wrong despite the research being funded by the Department of Homeland Security (LOL) To see an AHU that is set up well see here 

The BIGGEST difference is that the good one has a temperature sensor immediately after the heating coil and the rubbish one does not.

In my experience cost cutting measures eliminate this very cheap, very essential sensor in around 95% of implementations including some by the biggest players in the AHU supply market (over 1.5 Billion Euros in Europe alone).

Why is this sooooo stupid ?

Technically (and I accept the jargon is not too important – but I want some keywords to get some engineers thinking about this) –

The first can stabilize at many Nash Equilibria that do not lie on the Pareto Efficiency Frontier.

In English (or engineering) ?

When the PID loops controlling each coil (or  register or heat exchanger) achieves its fundamental objective of comfort (that is Henry and Charles are basically happy) both H and C are active under the majority of cases.

So simplistically if air is coming in at 10C Henrietta would like to hold Henry back to delivering air at 15C and stop Charles doing anything at all.  But if Henry does say 75% output and Charles does 25% output there is still heating on balance so H and C are happy but Henrietta is not.

Henry and Charles are happy because they have found a Nash Equilibrium. They achieve their objectives, but knowing the others strategy does not allow them to change their position of being in conflict.

This is referred to in the wiki article above which states:

“The Nash equilibrium may sometimes appear non-rational in a third-person perspective. This is because it may happen that a Nash equilibrium is not Pareto optimal.

The Nash equilibrium may also have non-rational consequences in sequential games because players may “threaten” each other with non-rational moves”.
Henrietta cries foul ! She sees that if Henry would back off, Charles could too, or if Charles would back off Henry would too.  But Henry and Charles have a job to do and cannot budge an inch.
Henrietta realizes if she forced the implementation of the temperature sensor downstream from Henry that is upstream from Charles, Henry would play his own game and ignore Charles’ strategy.
The very fact that Henry does not know Charles means that he optimises for heating at no error between coils.  This means that Henry never calls on Charles to cool.
Now for the cost of a few cents or euros a new sensor prevents Nash Equilibria that are not simultaneously on the Pareto Efficiency Frontier :
“Pareto efficiency, or Pareto optimality, is a concept in economics with applications in engineering. The term is named after Vilfredo Pareto (1848–1923), an Italian economist who used the concept in his studies of economic efficiency and income distribution[citation needed]. In a Pareto efficient economic allocation, no one can be made better off without making at least one individual worse off. Given an initial allocation of goods among a set of individuals, a change to a different allocation that makes at least one individual better off without making any other individual worse off is called a Pareto improvement. An allocation is defined as “Pareto efficient” or “Pareto optimal” when no further Pareto improvements can be made.”
“The notion of Pareto efficiency is also useful in engineering. Given a set of choices and a way of valuing them, the Pareto frontier or Pareto set or Pareto front is the set of choices that are Pareto efficient. By restricting attention to the set of choices that are Pareto-efficient, a designer can make tradeoffs within this set, rather than considering the full range of every parameter”  (from wiki)
And it just so happens that Nash Equilibra on the Pareto Efficiency Frontier in this very common case are Strong Pareto Optima, in all cases where in the other cases Nash Equilibria are not Pareto efficient.
Simply stated this means that taking the sensor out costs you in almost all circumstances !
FACT it is the single greatest source of comfort heat-fighting chilling globally  – and it seems nobody gives a damn.
Now Henrietta has a friend who is an idiot – his name is Wasteful Walther.
Walther says – “we don’t need the sensor – because we prevent simultaneous heating and chilling by inhibiting valve positions being both open.”
Idiotic! – because heating happens from a hot heat exchanger AFTER you close it, and the time delay changes with load.
Walther also says – “we control with PID loops which achieve zero error over time”.
Well Walther a PID loop requires a linear response to do that without transient instability and there is not one here – it also requires a decoupled proportional signal of the error caused by the output driven – also not available here.
So we should be good Henrietta’s, save time and energy and get a sensor after (but far enough from) each controlled action and use it as a source of feedback.
The beauty of a Nash Equilibrium on the Pareto Efficiency Frontier is that it is cheap achievable and you KNOW it makes sense !

Contratti servizi energia: definizioni

CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA


1. Finalità

1. Il presente allegato definisce i requisiti e le prestazioni che qualificano il contratto servizio energia di cui all’articolo 1, comma 1, lettera p), del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412.

2. Definizioni

1. Ai fini del presente allegato valgono le definizioni di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, e loro successive modificazioni. Valgono inoltre le seguenti definizioni:

a) contratto servizio energia: è un contratto che nell’osservanza dei requisiti e delle prestazioni di cui al paragrafo 4 disciplina l’erogazione dei beni e servizi necessari alla gestione ottimale ed al miglioramento del processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia;

b) contratto servizio energia “Plus”: è un contratto servizio energia che rispetta gli ulteriori requisiti di cui al paragrafo 5 e che si configura come fattispecie di un contratto di rendimento energetico;

c) fornitore del contratto servizio energia: è il fornitore del servizio energetico che all’atto della stipula di un contratto servizio energia risulti in possesso dei requisiti di cui al paragrafo 3.


3. Requisiti del Fornitore del contratto servizio energia

1. Sono abilitate all’esecuzione del contratto servizio energia i fornitori di servizi energetici che dispongono dei seguenti requisiti:

a) abilitazione professionale ai sensi della legge 5 marzo 1990, n. 46, e successive modificazioni, testimoniata da idoneo certificato rilasciato dalle CCIAA competenti, per le seguenti categorie:

1) Settore “A” (impianti elettrici);

2) Settore “C” (riscaldamento e climatizzazione);

3) Settore “D” (impianti idrosanitari);

4) Settore “E” (impianti gas);

b) Rispondenza ai requisiti previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, e successive modificazioni, con particolare riferimento alle prescrizioni di cui all’articolo 1, comma 1, lettera o), e di cui all’articolo 11, comma 3, del medesimo decreto.

2. Il fornitore del contratto servizio energia è obbligatoriamente tenuto a dichiarare dalla fase di proposta contrattuale il possesso dei requisiti di cui al presente paragrafo, fornendo esplicita attestazione delle relative informazioni identificative.

3. Per i contratti servizio energia “Plus” è richiesto, in aggiunta ai requisisti di cui ai precedenti punti, un sistema di qualità aziendale conforme alle norme ISO 9001:2000 o altra certificazione equivalente, in materia di prestazioni attinenti il contratto di servizio energia certificato da ente e/o organismo accreditato a livello nazionale e/o europeo.


4. Requisiti e prestazioni del contratto servizio energia

1. Ai fini della qualificazione come contratto servizio energia, un contratto deve fare esplicito e vincolante riferimento al presente atto e prevedere:

a) la presenza di un attestato di certificazione energetica dell’edificio di cui all’articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni. Qualora si tratti di un edificio residenziale o composto da una pluralità di utenze, la certificazione energetica deve riferirsi anche alle singole unità abitative o utenze. In assenza delle linee guida nazionali per la certificazione energetica, il relativo attestato è sostituito a tutti gli effetti dall’attestato di qualificazione energetica, conformemente all’articolo 11, comma 1-bis, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni che dovrà comunque comprendere:

1) determinazione dei fabbisogni di energia primaria per la climatizzazione invernale e/o estiva e/o per la produzione di acqua calda sanitaria dell’edificio, nonché per eventuali altri servizi forniti nell’ambito del contratto alla data del suo avvio, espressi in kWh/m2 anno o kWh/m3 anno, conformemente alla vigente normativa locale e, per quanto da questa non previsto, al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successivi decreti attuativi;

2) espressa indicazione degli interventi da effettuare per ridurre i consumi, migliorare la qualità energetica dell’immobile e degli impianti o per introdurre l’uso delle fonti rinnovabili di energia, valutati singolarmente in termini di costi e di benefici connessi, anche con riferimento ai possibili passaggi di classe dell’edificio nel sistema di certificazione energetica vigente.

Per i contratti su utenze che non rientrano nel campo di applicazione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, dovrà comunque essere prodotta una diagnosi energetica avente le caratteristiche di cui ai numeri 1) e 2).

La certificazione energetica deve essere effettuata prima dell’avvio del contratto di servizio energia fermo restando la necessità di una valutazione preliminare al momento dell’offerta e la possibilità, nell’ambito della vigenza contrattuale, di concordare ulteriori momenti di verifica;

b) un corrispettivo contrattuale riferito a parametri oggettivi, indipendenti dal consumo corrente di combustibile e di energia elettrica degli impianti gestiti dal Fornitore del contratto servizio energia, da versare tramite un canone periodico comprendente la fornitura degli ulteriori beni e servizi necessari a fornire le prestazioni di cui al presente allegato;

c) fatto salvo quanto stabilito dal punto b), l’acquisto, la trasformazione e l’uso da parte del Fornitore del contratto servizio energia dei combustibili o delle forniture di rete, ovvero del calore-energia nel caso di impianti allacciati a reti di teleriscaldamento, necessari ad alimentare il processo di produzione del fluido termovettore e quindi l’erogazione dell’energia termica all’edificio;

d) l’indicazione preventiva di specifiche grandezze che quantifichino ciascuno dei servizi erogati, da utilizzare come riferimenti in fase di analisi consuntiva;

e) la determinazione dei gradi giorno effettivi della località, come riferimento per destagionalizzare il consumo annuo di energia termica a dimostrare l’effettivo miglioramento dell’efficienza energetica;

f) la misurazione e la contabilizzazione nelle centrali termiche, o la sola misurazione nel caso di impianti individuali, dell’energia termica complessivamente utilizzata da ciascuna delle utenze servite dall’impianto, con idonei apparati conformi alla normativa vigente;

g) l’indicazione dei seguenti elementi:

1) la quantità complessiva totale di energia termica erogabile nel corso dell’esercizio termico;

2) la quantità di cui al numero“1)” distinta e suddivisa per ciascuno dei servizi erogati;

3) la correlazione fra la quantità di energia termica erogata per ciascuno dei servizi e la specifica grandezza di riferimento di cui alle lettere d) ed e);

h) la rendicontazione periodica da parte del fornitore del contratto servizio energia dell’energia termica complessivamente utilizzata dalle utenze servite dall’impianto; tale rendicontazione deve avvenire con criteri e periodicità convenuti con il committente, ma almeno annualmente, in termini di Wattora o multipli;

i) la preventiva indicazione che gli impianti interessati al servizio sono in regola con la legislazione vigente o in alternativa l’indicazione degli eventuali interventi obbligatori ed indifferibili da effettuare per la messa a norma degli stessi impianti, con citazione esplicita delle norme non rispettate, valutazione dei costi e dei tempi necessari alla realizzazione delle opere, ed indicazione di quale parte dovrà farsi carico degli oneri conseguenti o di come essi si ripartiscono tra le parti;

l) la successiva esecuzione da parte del Fornitore del contratto servizio energia delle prestazioni necessarie ad assicurare l’esercizio e la manutenzione degli impianti, nel rispetto delle norme vigenti in materia;

m) la durata contrattuale, al termine della quale gli impianti, eventualmente modificati nel corso del periodo di validità del contratto, saranno riconsegnati al committente in regola con la normativa vigente ed in stato di efficienza, fatto salvo il normale deperimento d’uso;

n) l’indicazione che, al termine del contratto, tutti i beni ed i materiali eventualmente installati per migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio e degli impianti, ad eccezione di eventuali sistemi di elaborazione e trasmissione dati funzionali alle attività del fornitore del contratto servizio energia, saranno e resteranno di proprietà del committente;

o) l’assunzione da parte del Fornitore del contratto servizio energia della mansione di terzo responsabile, ai sensi dell’articolo 11, commi 1 e 3, del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, come successivamente modificato;

p) l’indicazione da parte del committente, qualora si tratti di un ente pubblico, di un tecnico di controparte incaricato di monitorare lo stato dei lavori e la corretta esecuzione delle prestazioni previste dal contratto; se il committente è un ente obbligato alla nomina del tecnico responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia, di cui all’articolo 19 della legge 9 gennaio 1991, n. 10, quest’ultimo deve essere indicato come tecnico di controparte;

q) la responsabilità del Fornitore del contratto servizio energia nel mantenere la precisione e l’affidabilità di tutte le apparecchiature di misura eventualmente installate;

r) l’annotazione puntuale sul libretto di centrale, o di impianto, degli interventi effettuati sull’impianto termico e della quantità di energia fornita annualmente;

s) la consegna, anche per altri interventi effettuati sull’edificio o su altri impianti, di pertinente e adeguata documentazione tecnica ed amministrativa.

2. Gli interventi realizzati nell’ambito di un contratto di servizio energia non possono includere la trasformazione di un impianto di climatizzazione centralizzato in impianti di climatizzazione individuali.

3. Fatto salvo quanto previsto dal punto 2, il contratto di servizio energia è applicabile ad unità immobiliari dotate di impianto di riscaldamento autonomo, purché sussista l’autorizzazione del proprietario o del conduttore dell’unità immobiliare verso il Fornitore del contratto servizio energia, ad entrare nell’unità immobiliare nei tempi e nei modi concordati, per la corretta esecuzione del contratto stesso.

5. Requisisti e prestazioni del contratto servizio energia “Plus”

1. Ai fini della qualificazione come contratto servizio energia “Plus”, un contratto deve includere, oltre al rispetto dei requisiti e delle prestazioni di cui al paragrafo 4, anche le seguenti prestazioni aggiuntive:

a) per la prima stipula contrattuale, la riduzione dell’indice di energia primaria per la climatizzazione invernale di almeno il 10 per cento rispetto al corrispondente indice riportato sull’attestato di certificazione, nei tempi concordati tra le parti e comunque non oltre il primo anno di vigenza contrattuale, attraverso la realizzazione degli interventi strutturali di riqualificazione energetica degli impianti o dell’involucro edilizio indicati nell’attestato di cui sopra e finalizzati al miglioramento del processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia;

b) l’aggiornamento dell’attestato di certificazione energetica dell’edificio, di cui all’articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, a valle degli interventi di cui alla lettera a);

c) per rinnovi o stipule successive alla prima la riduzione dell’indice di energia primaria per la climatizzazione invernale di almeno il 5 per cento rispetto al corrispondente indice riportato sull’attestato di certificazione di cui alla lettera b), attraverso la realizzazione di interventi strutturali di riqualificazione energetica degli impianti o dell’involucro edilizio indicati nel predetto attestato e finalizzati al miglioramento del processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia;

d) l’installazione, laddove tecnicamente possibile, ovvero verifica e messa a numero se già esistente, di sistemi di termoregolazione asserviti a zone aventi caratteristiche di uso ed esposizione uniformi o a singole unità immobiliari, ovvero di dispositivi per la regolazione automatica della temperatura ambiente nei singoli locali, idonei ad impedire il surriscaldamento conseguente ad apporti aggiuntivi gratuiti interni ed esterni;

2. Il contratto servizio energia “Plus” può prevedere, direttamente o tramite eventuali atti aggiuntivi, uno “strumento finanziario per i risparmi energetici” finalizzato alla realizzazione di specifici interventi volti al miglioramento del processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia, alla riqualificazione energetica dell’involucro edilizio e alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

3. Un contratto servizio energia “Plus”, stipulato in maniera conforme al presente provvedimento, è ritenuto idoneo a:

a) realizzare gli obiettivi di risparmio energetico di cui all’articolo 3;

b) comprovare l’esecuzione delle forniture, opere e prestazioni in esso previste costituendone formale testimonianza valida per tutti gli effetti di legge; un contratto servizio energia “Plus” ha validità equivalente a un contratto di locazione finanziaria nel dare accesso ad incentivanti e agevolazioni di qualsiasi natura finalizzati alla gestione ottimale e al miglioramento delle prestazioni energetiche.

6. Durata contrattuale

1. Il contratto servizio energia e il contratto servizio energia “Plus” devono avere una durata non inferiore ad un anno e non superiore a dieci anni.

2. In deroga al punto 1, si stabilisce che:

a) la durata di un contratto servizio energia e un contratto servizio energia “Plus” può superare la durata massima di cui al punto 1, qualora nel contratto vengano incluse fin dall’inizio prestazioni che prevedano l’estinzione di prestiti o finanziamenti di durata superiore alla durata massima di cui al punto 1 erogati da soggetti terzi ed estranei alle parti contraenti;

b) qualora nel corso di vigenza di un contratto di servizio energia, le parti concordino l’esecuzione di nuove e/o ulteriori prestazioni ed attività conformi e corrispondenti ai requisiti del presente decreto, la durata del contratto potrà essere prorogata nel rispetto delle modalità definite dal presente decreto.

3 Nei casi in cui il Fornitore del contratto servizio energia partecipi all’investimento per l’integrale rifacimento degli impianti e/o la realizzazione di nuovi impianti e/o la riqualificazione energetica dell’involucro edilizio per oltre il 50 per cento della sua superficie, la durata del contratto non è soggetta alle limitazioni di cui al punto 1.