L’Ecobonus 2017

La Legge di Bilancio, approvata in Parlamento a fine 2016, anche quest’anno punta a sostenere economicamente modalità produttive o forme di consumo che riducono l’impatto ambientale. Il cosidetto “ecobonus” contiene delle interessanti opportunità nel campo dell’efficientamento energetico per privati e imprenditori.

Ecobonus nella Finanziaria 2017

Viene prorogato l’Ecobonus, detrazione fiscale per la riqualificazione energetica, e la proroga vale fino a 2021, con delle percentuali di detrazione tra al 70% e al 75% per i condomini. Per le abitazioni private la detrazione al 65% viene estesa al 2017.

Bonus ristrutturazione edilizia nella Finanziaria 2017

Il Bonus concesso alle ristrutturazioni è prorogato fino al 2017 con una detrazione del 50%. Rimane valido per il 2017 il Bonus Mobili con la possibilità di detrarre le spese di acquisto di mobili al 50%.

Bonus Alberghi nella Finanziaria 2017

Il Bonus Alberghi, prorogato fino al 2018 permette di detrarre le spese per il 65% della spesa.

Sisma Bonus nella Finanziaria 2017

Per il Sima Bonus vengono confermate le “scale” di detrazione che si applicano a seconda della classe antisismica raggiunta dopo l’intervento: i parametri da rispettare sono 50, 70, 80% per le case e 50, 75, 80% per i condomìni.

 

Non sono state approvate alcune detrazioni che erano state inizialmente ventilate:

– credito d’imposta 65% per le spese di classificazione sismica,

– bonus 65% per la bonifica amianto,

– possibilità della cessione del credito d’imposta anche per le opere in singole unità abitative,

– detrazione 50% per la sistemazione a verde di aree scoperte di pertinenza,

– ampliamento del perimetro della cessione del credito di imposta dai soli fornitori alle banche, per l’ecobonus e il sisma bonus.

 

Obbligo di rendicontazione dei risparmi energetici

Con il 5 dicembre 2015 si è esaurito l’obbligo di diagnosi energetiche introdotto dal D.Lgs. 102/14 per le Grandi Imprese e per le energivore. L’obbligo è ciclico con cadenza quadriennale, la maggior parte dei soggetti dovrà ripetere la diagnosi nel 2019. L’adempimento sta avendo uno strascico di sanzioni per i soggetti obbligati che non hanno caricato la diagnosi nei termini stabiliti.

Ma il D. Lgs. 102/14, all’art. 8 comma 7 ha anche stabilito che “I risparmi di energia per i quali non siano stati riconosciuti i titoli di efficienza energetica rispetto all’anno precedente e in condizioni normalizzate, riscontrabili dai bilanci energetici predisposti da imprese che attuano un sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001, e dagli audit previsti dal presente decreto sono comunicati dalle imprese all’ENEA e concorrono al raggiungimento degli obbiettivi di cui al presente articolo.»

Quindi se ne ricava che:

  • I soggetti interessati sono quelli che sono obbligati alle diagnosi e tutte le imprese che hanno implementato un sistema di gestione dell’energia secondo la ISO 50001;
  • I risparmi totali conseguiti per ogni anno solare, dovranno essere comunicati ad ENEA con cadenza annuale, entro il 31 marzo dell’anno successivo al conseguimento dei risparmi stessi.
  • I risparmi da rendicontare sono tutti quelli riconducibili non soltanto ad interventi di efficientamento realizzati sul ciclo produttivo (tecnologici), ma anche al semplice risparmio energetico derivante da qualunque modifica, anche comportamentale, della gestione del ciclo produttivo stesso;

Occorre ricordare inoltre che i consumi devono essere “normalizzati” tramite fattori che devono essere scelti in modo da essere rappresentativi dell’attività del sito, come ad esempio:

  • Kg di produzione per aziende produttive;
  • Km percorsi per flotte aziendali;
  • GG (estivi e/o invernali) per aree aperte al pubblico e climatizzate

02 Grandezze illuminotecniche – EPIC informa

Continua la serie “EPIC informa”, la serie di video sull’illuminotecnica offerta dal Consorizio EPIC. Oggi parliamo delle principali grandezze illuminotecniche.