About Energy Production

Immagine correlataMany qualify electricity from solar panels or wind mills, in a poetical mode, as free energy. There is no such a thing as free energy. It is renewable, but not free. It requires a large energy investment to produce solar panels or wind mills. It is imperative to use the proper tools to analyze any of the so called renewable sources of energy and dispel the notion that they represent free energy. The objective of those renewable sources is to have a positive future flow of output energy, and that flow of renewable energy should be able to pay the initial investment in non renewable energy in a short period of time, say a maximum of 3 years. This standard indicates that we have a real innovation. Any Government financial support does not change the reality of our objective, fast payback of the energy investment. This is the only objective we should have for a measure of reasonable sustainability and cut our dependency on foreign oil. As you can deduct, this definition of sustainability is independent of the price of oil, as it should be. Let’s check the situation of the three most common projects for renewable sources with the standard mentioned above. 1.Ethanol: The future flow of renewable energy is negative. There is nothing left to pay for the humongous required energy investments-1 Gallon of ethanol, uses 1.85 Gallons of oil- If we do nothing, we will be better off in terms of energy consumption and emissions now and in the future. The government support, with all their financial help, cannot change the negative energy balance and the enormous increase in present emissions. Our goal is not fulfilled. 2.Wind Mills: The future flow of renewable energy is positive. However the very large investments in energy to engineer and build the units, including power lines, have an energy payback beyond 30 years. This investment does not avoid the investment in carbon, gas, or nuclear power plants to cover the ~70% of the time they are not producing electricity. We are increasing dramatically the power consumption and emissions as we build the units now, for a meager yearly renewable volume of power. . Our goal is not fulfilled 2.Solar panels: The future flow of renewable energy is positive. The pay back for the initial energy consumption is beyond 50 years. Solar panels produce energy in average ~20% of the time. Any standard technology, let’s say small generators consuming natural gas, cost 1/30 of the energy cost of a solar panel for an equal total output. We seem to be digging our own grave with gusto. None of those projects comply with the most elementary energy objective we have as a country; on the contrary, they produce a considerable spike of energy usage now, that could be avoided, and I doubt that they will ever have a proper pay back in created energy. There is no wealth creation in these activities, no energy savings, only an immediate transfer of money from the Taxpayers to somebody else, destroying other Industries in the meantime. Due to all kind of government money injected into these projects, and the high price of oil, money could be made. But if the price of oil goes below a certain threshold, boom, the project is no longer viable. See T. Boone Pickens suspending his wind mill project because oil went below US$60. Or the several bankruptcies in ethanol due to the higher price of corn in spite of all the subsidies! Millions of barrels of oil that we cannot afford to loose, thrown to the wind. None of those programs complies with cutting CO2 emissions, a suspected objective anyway. They make our dependence of foreign oil much worst, not better, using considerable high level engineering resources for naught. There are enormous opportunities in energy savings and production in many Industries, with a positive balance of energy consumption and paybacks anywhere from 4 months to one year.

Annunci

Workshop “Vendere il valore”

Il giorno 23 maggio si è svolta a Stezzano presso il polo Schneider il Workshop “Vendere il valore”: una lezione introduttiva tenuta dal dott. Restori sulle nuove figure e nuove opportunità nel campo dell’efficienza energetica.

rest.jpg

09903bf5-daac-4b54-bb19-fca0a263c742.jpg

4256deb7-80e1-4bcd-b61a-c7595be61371.jpg

Il progetto BUGS

BUGS è un progetto finanziato dall’UE che ha lo scopo di mettere a punto un sistema di valutazione dei gap formativi delle aziende del settore costruzioni in campo energetico:

n cooperation with partners, Ecipa, which will lead this WP because of its expertise in the skills improvement and data analysis, will ensure the implementation of activities to gain the expected goals, namely the creation of a software for a tailor made evaluation of green skills gaps to be detected.
…More in details, the following activities will be carried out:
Firstly, referring to green jobs potential and energy efficiency, thanks to the expertise of partner’s teams, the legislative framework will be identified and analysed at European level and each partner Country will then be invited to identify and analyse its own national legislation. This study will be the legislative framework that will support the following activities.
Methods of skills data collection will be evaluated by partners in order to define a standard methodology to be applicable to companies of different dimensions and/or home Countries. At the same time will be defined, per each partner Country, the available data for the industrial system and information channels.
Guidelines that will be created will be useful to set up questionnaires/interviews to gain the needed information and to identify public data sources about companies.
In order to correctly tune the development of the analysis method, a data sample will be collected involving public bodies, firms representatives and firms.
Once the method will be standardized it will be possible to develop the data mining software.
Deep statistical analysis will be implemented (cluster analysis, decision trees, factor analysis, etc.), crossed with training experts support with the purpose of identifying patterns and any other useful information to fill the green skills gap and boost the job creation potential. This method will be developed according to quantity and quality of available data.

ISCO seleziona giovani per il corso Tecnico dell’Efficienza Energetica

Corso promosso da ISCO – Ente di Formazione Professionale accreditato dalla Regione Veneto, in collaborazione con Orienta Venezia – Agenzia per il lavoro, nell’ambito del piano Garanzia Giovaniapprovato dalla Giunta Regionale del Veneto, che offre nuove opportunità per l’occupabilità e l’inserimento dei giovani che hanno assolto l’obbligo di istruzione e con un’ età compresa tra i 19 e i 29 anni.

Profilo professionale:

Il Progetto formativo intende preparare una figura professionale che, per conto di aziende, studi di consulenza o iberi professionisti, possa assolvere alle sempre maggiori richieste di assistenza e accompagnamento delle imprese nei processi di efficientamento e ottimizzazione delle risorse energetiche.

Pertanto il corso intende perseguire i seguenti:

– potenziare le conoscenze di economia ed igiene ambientale;

– far conoscere la normativa nazionale, regionale e comunitaria di settore;

– far conoscere i concetti fondamentali del risparmio energetico;

– far conoscere materiali e tecnologie per impianti a basso impatto ambientale;

– potenziare le conoscenze sui principi dei Sistemi di Gestione Ambientale e le relative norme (ISO14001, 50001, regolamento EMAS, ecc.);

– far acquisire i principi per effettuare delle analisi costi-benefici relativamente alle scelte ambientali ed energetiche dell’azienda;

– far acquisire le conoscenze sulle principali tecniche di riduzione dei consumi aziendali;

– potenziare le conoscenze sulle principali tecnologie di riduzione delle emissioni.

Il progetto, della durata complessiva di 208 ore, si svolgerà a PADOVA e sarà composto da 184 ore di formazione, 8 ore di orientamento specialistico, 16 ore di accompagnamento al lavoro e.

Destinatari

Il corso si rivolge a 8 giovani NEET (persone disoccupate o inattive che non sono né in educazione né in formazione) che hanno assolto l’obbligo di istruzione.

Saranno privilegiati i destinatari in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado, preferibilmente ad indirizzo tecnico/scientifico, o laurea in discipline scientifiche e che possiedono competenze informatiche sufficienti a svolgere in autonomia le principali funzioni riferite al ruolo.

Programma corso:

  • normativa del settore energia
  • Fonti di produzione energetica
  • Tecniche di riduzione dei consumi energetici
  • Sistemi di Gestione dell’Energia (ISO 50001)
  • La diagnosi energetica secondo le norme UNI 11428 e EN 16247
  • L’analisi costi-benefici e costo-opportunità per quanto riguarda l’utilizzo dell’energia
  • Strumenti per l’autoimprenditorialità

Ammissione alla selezione:

La domanda di ammissione alla fase di selezione per la partecipazione al progetto deve essere redatta su apposito modulo, scaricabile dal sito www.isco-sc.it/formazione e dovrà pervenire a mano, attraverso posta elettronica ad info@isco-sc.it, o via fax al n. 0418105861 entro il 2 dicembre.

Il giorno della selezione sarà necessario portare:

–        Patto di Servizio Garanzia Giovani rilasciato da un Centro dell’Impiego o da uno Youth Corner;

–        Fotocopia fronte/retro di un documento di identità in corso di validità;

–        Curriculum vitae in formato europeo.

L’ammissione al corso avverrà sulla base di una graduatoria risultante dalle prove di selezione valutate da un’apposita commissione nominata dall’Ente di formazione, il cui giudizio è insindacabile.

I risultati della selezione, verranno comunicati direttamente agli interessati.

Data e sede di selezione:

Giovedì 4 dicembre ore 10.30 presso Istituto “Dante Alighieri”, Riviera Tito Livio 43 – PADOVA

La partecipazione al corso è gratuita.

Al termine del percorso sarà rilasciato un attestato dei risultati di apprendimento.

Per informazioni: I.S.CO. – Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto

Via Zandonai 6, Venezia Mestre – tel. 041 8105863 – fax 041 8105861 – info@isco-sc.itwww.isco-sc.it

L’energia è strategica: approvati i decreti Golden Power

Sono stati pubblicati nella GU del 6 giugno i DPR 85 e 86 sui golden power, ossia  i poteri speciali che spettano al Governo sugli assetti societari dei soggetti che operano nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni.

Si alza la testa o si dà veste ufficiale alla sudditanza nei confronti delle multinazionali? ahhhh, saperlo…

Boicottare la smart grid: GSE dice no ai sistemi di accumulo

“Con riferimento alle richieste di chiarimenti pervenute al GSE in merito alla possibilità d’installazione di sistemi di accumulo su impianti già ammessi agli incentivi, si precisa quanto segue.

Nelle more della definizione e della completa attuazione del quadro normativo e delle regole applicative del GSE per l’utilizzo dei dispositivi di accumuloai fini della corretta erogazione degli incentivi, non è consentita alcuna variazione di configurazione impiantistica che possa modificare i flussi dell’energia prodotta e immessa in rete dal medesimo impianto, come ad esempio la ricarica dei sistemi di accumulo tramite l’energia elettrica prelevata dalla rete.

A tal proposito si rammenta che il GSE, nel caso in cui dovesse accertarne la sussistenza, nell’ambito delle verifiche effettuate ai sensi dell’art. 42 del Decreto Legislativo 28/2011, applicherà le sanzioni previste dal medesimo articolo, ivi inclusa la decadenza dal diritto agli incentivi e il recupero delle somme già erogate.”

http://www.gse.it/it/salastampa/news/Pages/modifica-della-configurazione-impianti-incentivati-con-sistemi-di-accumulo.aspx